I Battenti di Verbicaro

I riti di flagellazione.

Verbicaro, 19/04/2019

Dopo una breve ed intima preparazione i Battenti appaiono in strada improvvisamente, iniziando il loro rito percuotendosi con forza sulle cosce con un "cardillo" (un tappo di sughero con tredici frammenti di vetro conficcati in una delle estremità e saldati con della cera),  segnando col proprio sangue i sagrati e gli stipiti  di chiese e cappelle votive.

I riti di flagellazione che si svolgono tutt'ora in Calabria durante la Settimana Santa  sono riti riconducibili ad antiche pratiche di mortificazione delle carne e dello spirito a scopo devozionale, nonché a pratiche di rigenerazione del sangue, di virilità e vitalità.